top of page
  • Writer's pictureBeatrice Radi

Viaggiare in Sudafrica: i 5 fatti essenziali

State pensando di organizzare un viaggio in Sudafrica ma non siete sicuri di avere abbastanza informazioni? Ecco l'articolo che fa per voi!

La decisione di trascorrere le vacanze estive in Sudafrica è nata spontaneamente, un giorno in cui stavamo curiosando su YouTube.

Dopo aver intravisto qualche lampo di questo meraviglioso Paese, ci siamo chiesti “E se ci andassimo anche noi?”


È stato un viaggio meraviglioso, in una nazione che è davvero il Paese Arcobaleno, con tutti i suoi paesaggi e i suoi colori.

Tra Nord e Sud abbiamo trovato due mondi opposti e ci è sembrato di attraversare un mondo intero.


Ma voglio rassicurarvi: un viaggio in Sudafrica fai-da-te è possibile e non è particolarmente costoso. Come tutte le esperienze all’estero, lo consiglio ha chi ha una buona padronanza dell’inglese e/o un po' di spirito d’avventura 😉


Scopriamo ora i 5 fatti essenziali per organizzare un viaggio nel Paese Arcobaleno!


SPOSTAMENTI

Il Sudafrica è un paese grandissimo e i posti che desidererete visitare potrebbero essere anche molto lontani l’uno dall’altra.

Noi abbiamo scelto un itinerario abbastanza classico, che prevedeva una settimana nella parte nord-est del Paese, principalmente per visitare il Kruger National Park e un’altra settimana sulla costa sud-ovest da Port Elizabeth a Cape Town.


Dato che avevamo due settimane, è stato necessario prendere un volo interno per spostarsi da nord a sud. Non avevamo nessuna volta di tornare in aeroporto dopo aver affrontato un viaggio di 18 ore dall’Italia, ma attraversare in macchina il paese ci avrebbe privato di un paio di giorni che abbiamo invece potuto dedicare all’esplorazione.


Per il resto, ci siamo sempre spostati con l’auto a noleggio e non abbiamo avuto alcuna difficoltà, considerando che tutte le strade sono mappate su Google Maps e che sono generalmente in ottime condizioni. Per ulteriori informazioni sulla viabilità, dai un’occhiata a questo articolo.


COSTO DELLA VITA

La moneta utilizzata in Sudafrica è il Rand e, per farvi un’idea dei prezzi, potete ragionare sul fatto che 100 Rand equivalgono circa a 6 euro.


In generale, il costo della vita è più basso rispetto all’Italia, per quanto anche qui abbiano risentito della crisi economica degli ultimi mesi.


Per fare qualche esempio, la benzina costa circa un euro e mezzo al litro e i pedaggi costano circa 3 euro a “ingresso”, con il quale si percorrono centinaia di chilometri.


Il cibo è generalmente molto più economico rispetto a quanto siamo abituati. Se volete andare al risparmio in un locale alla buona – ma comunque sicuro e dignitoso – potete mangiare un piatto principale e bere una birra con circa 8 euro a testa. Se invece vi recate in un locale di livello medio, i costi saranno di circa 15 euro a testa, mentre per un locale raffinato potete arrivare a spenderne 25. Il nostro massimo è stato trenta euro a testa una sera in cui abbiamo preso un menu da tre portate e una bottiglia di buon vino.

SICUREZZA

Il Sudafrica è generalmente sicuro, tuttavia, è necessario avere qualche accortezza maggiore rispetto all’Italia. La cosa che ci ha colpiti maggiormente è stata che dopo il tramonto non ci sia nessuno per strada. Qui siamo abituati a fare la passeggiata dopo cena o comunque a poter percorrere brevi distanze a piedi, mentre in Sudafrica si spostano tutti in auto e vi verrà consigliato di fare altrettanto se non volete avere brutte sorprese. Non è il massimo dover riprendere l’auto per andare a cena dopo una giornata trascorsa in viaggio, ma paese che vai...


Nelle grandi città la situazione è più complessa, soprattutto a Johannesburg, dove non vi consiglio di girare da soli. So che penserete “è una capitale, cosa mai potrà succedere?”, ma fidatevi. Anch’io avevo sottovalutato la gravità della faccenda, ma quando sono arrivata in centro con la mia auto, non ho avuto dubbi nel dirigermi immediatamente in hotel e unirmi a un tour organizzato.


ORARI


Rispetto all’Italia, i ritmi di vita sono anticipati di circa un paio d’ore. I negozi chiudono tra le 17 e le 18, le stazioni di servizio chiudono invece verso le 21.

Per quanto riguarda i ristoranti, è consuetudine non andare a cena più tardi delle 19.30 – che è un po’ come andare a cena alle 21.30 al nord Italia, ancora accettabile, ma al limite – ed è perfettamente normale andarci verso le 18.


Bisogna farci l’abitudine, i primi giorni abbiamo tirato la corda presentandoci alle 20 e abbiamo rischiato di non mangiare perché la cucina chiudeva poco dopo 😊 per fortuna siamo capitati in un ristorante di alto livello che ci ha serviti lo stesso, ma si capiva che c’era un’atmosfera da fine servizio.

Fate attenzione specialmente la domenica sera: abbiamo notato che le cucine tendono a chiudere circa un’ora prima del solito (già alle 20.30).

In generale, si seguono molto i ritmi del sole: ci si alza prima alla mattina e ci si corica al tramonto, specialmente in inverno.


INGRESSO AI PARCHI

Una cosa da notare è che quasi tutti i luoghi “classici” che visiterete sono all’interno di aree protette. Questo significa che è necessario pagare una tariffa di ingresso per poter accedere e trascorrere la giornata (o anche poche ore) all’interno.

Ci aspettavamo di sostenere un costo per i parchi con animali, poiché sono circondati da alte recinzioni e immaginavamo ci fosse comunque un grosso lavoro di manutenzione. Ci ha invece colpiti che, alle volte, è necessario fare il biglietto anche per entrare in lembi di terra che non sono minimamente delimitati.

In questi casi, c’è solo una strada per “entrare” e a un certo punto incontrerete un chiosco dove vi chiederanno qualche rand. Questo si verifica, per esempio, al Blyde River Canyon, dove i punti panoramici sono a pagamento, ma anche al Capo di Buona Speranza.

Gli ingressi non sono generalmente molto onerosi – circa 300 euro in due per due settimane di ingressi a destra e a manca – ma, nel caso decidiate di trascorrere qualche giorno in più al Kruger (circa € 26 a testa al giorno), potrebbe convenirvi fare la Wild Card, che vi permette l’ingresso a tutti i parchi che incontrerete durante il vostro viaggio.


***


Se avete dubbi o domande, lasciatemi un commento qui sotto e sarò felice di aiutarvi 😊

Comentários


bottom of page